Scritti contrari. Per non annegare nel pensiero liquido - Dialogo con Rodolfo CasadeiI siti La Baionetta, The Debater e l’associazione A.E.C. – Attività Educative Culturali, vi invitano alla presentazione dell’ultimo libro del giornalista di Tempi Rodolfo Casadei, uscito per i tipi de La Vela Scritti contrari. Per non annegare nel pensiero liquido.

Torino alle ore 21, presso il Centro culturale Valmiana, via Cernaia 40

Sarà presente l’autore Rodolfo Casadei, inviato speciale di lungo corso per Tempi e Mondo e Missione (Pime Milano); autore di reportage nelle terre del martirio cristiano e di libri su tematiche africane e di politica internazionale, tra cui Tribolati, ma non schiacciati (Lindau).

Conduce il dialogo con l’autore Anna Bono, docente di Storia e Istituzioni dell’Africa presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Torino, collaboratrice della testata online La Nuova Bussola Quotidiana

Introduce Daniele Barale, giornalista per Vita Diocesana Pinerolese, tra i curatori de La Baionetta e di The Debater.

«Scritti contrari, edizioni La Vela, è l’opera di un inviato speciale di lungo corso, che dice la sua sulle mutazioni antropologiche contemporanee, le grandi questioni internazionali, le divisioni nel mondo cattolico, l’Occidente di fronte al terrorismo islamista. Bastian contrario non per partito preso ma per onestà verso i fatti e lealtà con la ragione, tesse l’elogio delle frontiere, del Family Day, di Bob Dylan che snobba il Nobel, del lavoro manuale; spiega le buone ragioni della Brexit, di Putin, della deterrenza atomica, di chi a Pasqua mangia carne d’agnello. Denuncia l’ipocrisia della retorica dei ponti, del concerto per le vittime di Manchester, dei preti gay-friendly, del coro dei bambini all’Expo.
E tanto altro ancora»
(dalla quarta di copertina).

Scarica la locandina in PDF cliccando QUI.

Articolo precedenteReddito di Cittadinanza: la Sinistra e la drammatica crisi di occupazione
Articolo successivoAlfie ed il placet di Paglia
Daniele Barale
Classe 1988, di Torino. Dal 2009 scrivo per siti e giornali locali e nazionali; nel 2014 sono diventato giornalista pubblicista; le testate e i siti per cui ho scritto e scrivo sono Vita Diocesana Pinerolese, il sito della fondazione romana Europa Popolare, Il Foglio, il giornale online Pepe, la rivista culturale piemontese Il Laboratorio. Sono tra i curatori del The Debater e de La Baionetta. Cammino lungo sulle tracce di maestri come Chesterton, Tolkien, Guareschi, Giussani, padre Gheddo. Principalmente mi occupo di temi inerenti la "bio-politica", l'antropologia, la filosofia e la storia della Chiesa.