Un uomo semplice decise uno giorno di andare in cerca di un uomo saggio che potesse rispondere alle sue domande. Si congedò dalla moglie, dai figli, dagli amici e partì.
Rimase lontano per diversi mesi e nessuno seppe nulla di lui.
Quando finalmente tornò a casa volle radunare moglie, figli e amici.
“Hai trovato un uomo saggio?”, gli chiese la moglie?

“Ho trovato tre uomini che parevano essere saggi”, rispose l’uomo semplice.
“Che cosa hanno risposto alle tue domande?”, chiesero i figli.
“Il primo ha risposto che le mie domande erano molto difficili e ha speso molte parole per molte ore. Ma io non le ho capite.

Anche il secondo ha risposto che le domande erano molto difficili. Ma non ha risposto perché diceva che io non avrei capito.
Pure il terzo ha risposto che le domande erano molto difficili. Nemmeno lui, però, ha risposto perché diceva di non essere in grado di farlo”.

“Che cosa hai imparato, allora, dai tre saggi”, chiesero gli amici.
“Ho imparato che è meglio non abbandonare per diversi mesi moglie, figli e amici per cercare uomini saggi”.

Articolo precedentePADRE NOSTRO: SCUSATE MA NON SI CAMBIA
Articolo successivoNon ho voglia di andare a messa questa mattina
È nato a Pinerolo nel 1970 e dal 1997 è sposato con Cristina Menghini. Licenziato in Teologia Pastorale, pubblicista, ha seguito per anni la pastorale giovanile della Diocesi di Pinerolo dove attualmente è direttore dell’Ufficio per le Comunicazioni sociali e del giornale Vita Diocesana Pinerolese. Al suo attivo numerose pubblicazioni di spiritualità e narrativa. Cura su fb il gruppo "Un minuto con Dio".