Tratto da: ControCorrente

In queste ore drammatiche, assistiamo, dolenti ed impotenti, agli sviluppi ultimi e agli esiziali contorni che sta assumendo la vicenda del piccolo Charlie Gard, il neonato inglese di 10 mesi affetto da Sindrome dell’encefalomiopatia mitocondriale ad esordio infantile, il quale, sulla base di distinte statuizioni giudiziarie emesse da tre differenti Corti inglesi, di diverso grado, e da ultimo dalla stessa Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, dovrebbe essere accompagnato alla morte per mezzo del distacco dalla macchina che ne assicura la ventilazione meccanica e della contestuale interruzione dell’alimentazione e dell’idratazione artificiali, non prima di avergli procurato uno stato di sedazione profonda.

 

Nei differenti gradi di giudizio, le Corti inglesi hanno ribadito che il processo di decadimento generale delle condizioni cliniche di Charlie e, con esso, il deterioramento progressivo ed inarrestabile della funzionalità degli organi che presiedono alle funzioni vitali, primi tra tutti quelli respiratori, inducono a credere che qualsiasi decisione relativa ad ulteriori azioni che prolungassero simili condizioni di vita, sarebbe da giudicare illegittima, dacché non assunta nell’effettivo, migliore interesse del piccolo, ma piuttosto volta ad aumentare, nel tempo e nell’intensità, il dolore e le sofferenze dello stesso. Quello che più sorprende è che la stessa idea di sottoporre Charlie ad un protocollo sperimentale di terapie nucleosidiche che si sta mettendo a punto negli Stati Uniti, proposta a più riprese avanzata dai genitori, è stata considerata inattuabile, meglio ancora “futile”, dai consulenti medici interpellati dai giudici, a fronte dell’esigenza, questa sì impellente, di voler dare un’esecuzione immediata e definitiva ai dispositivi unanimi delle sentenze fin qui pronunciate.

1
2
3
4
Articolo precedenteDimenticare la co-appartenenza originaria: a chi giova?
Articolo successivoQuando anche i Cattolici dimenticano il senso delle parole che usano…
Elio Sgreccia
Il cardinal Elio Sgreccia, già docente di Bioetica presso l'Uni-versità Cattolica del Sacro Cuore di Milano, è stato direttore del Centro per la Cooperazione Internazionale per la medesima univer-sità e membro del Comitato Nazionale per la Bioetica, (incarico mantenuto fino al 2006). Dal 1992 al 2000 è direttore dell'Istituto di Bioetica, quindi (2001) componente della Commissione delle li-nee guida nell'ambito della consulenza e dei test genetici per il Mi-nistero della Salute. Dal 2003 è presidente della Federazione Inter-nazionale dei Centri e Istituti di Bioetica d'Ispirazione Personalista (FIBIP), mentre dal 2004 è presidente della Fondazione Ut Vitam Habeant e dell'Associazione Donum Vitae. Dal 3 gennaio 2005 al 17 giugno 2008 è stato presidente della Pontificia Accademia per la Vita, dalla quale si è dimesso per raggiunti limiti di età e di cui rimane presidente emerito, configurandosi come portavoce delle posizioni della Chiesa su questioni etiche controverse come l'abor-to, la contraccezione, l'eutanasia e la ricerca sulle cellule staminali embrionali. E’ autore di numerose pubblicazioni, tradotte in numerose lingue: 1. Bioetica. Manuale per medici e biologi, Editrice Vita e Pensiero, Milano 1986 2. La trasmissione della vita nell'insegnamento di Gio-vanni Paolo II, Di Pietro M. Luisa, Editrice Vita e Pensiero, Milano 1989 3. Nuova genetica ed embriopoiesi umana. Prospettive della scienza e riflessioni etiche, Serra Angelo, Di Pietro M. Luisa, Editrice Vita e Pensiero, Milano 1991 4. Manuale di bioetica. Aspetti medico-sociali, Editrice Vita e Pensiero, Milano 1991 5. Manuale di bioetica. Fondamenti ed etica biomedi-ca, Editrice Vita e Pensiero, Milano 1994 6. Manuale di bioetica. Aspetti medico-sociali, Editrice Vita e Pensiero, Milano 1996 7. Procreazione assistita e fecondazione artificiale tra scienza, bioetica e diritto, Di Pietro M. Luisa, Editri-ce La Scuola, 1999 8. Manuale di bioetica. Fondamenti ed etica biomedi-ca, Editrice Vita e Pensiero, Milano 2000 9. Manuale di bioetica. Aspetti medico-sociali, Editrice Vita e Pensiero, Milano 2002 10. Manuale di bioetica. Fondamenti ed etica biomedi-ca, Editrice Vita e Pensiero, Milano 2007 11. La bioetica nel quotidiano, Editrice Vita e Pensiero, Milano 2006 12. The human embryo before implantation. Scientific aspects and bioethical considerations, Laffitte Jean, Libreria Editrice Vaticana, 2009