Attendiamo notizie più precise da Liverpool su ALFIE

Attendiamo dichiarazioni ufficiali della famiglia circa quanto sta accadendo in questi minuti a Liverpool. Confermo comunque che sto preparando un esposto per omicidio alla procura di Roma. Vogliamo che la vicenda della morte di questo nostro concittadino sia pienamente chiarita. Perché non ci sia mai più un altro caso come questo.

Lo stagno delle rane #4 [Rassegna Stampa]

Lo stagno delle rane #4 - Dispacci da posti altrui convogliati in questo stagno umido dove rane, nel loro rumorio costante, ne avvertono pigramente la presenza

Obice: L’Appendino e la pagina destinata a rimanere bianca

L'amattissima sindacA Appendino ha dichiarato: “Registreremo all’anagrafe i figli delle coppie gay”, ora, non è una big news e probabilmente in questo periodo dovremmo preoccuparci di altro (governo?! crisi economica?! guerra in Siria?!) ma in realtà il governo non lo faranno e quindi non ce ne preoccupiamo...

Fede e diplomazia

Fede e diplomazia: la storia insegna che non sempre stanno insieme La tragica vicenda di Alfie Evans ha molte cose da insegnarci, ha diversi motivi su cui riflettere e, tra questi, uno che appare decisamente importante riguarda il ruolo della Chiesa. Premesso che la vicenda del bambino di Liverpool è una questione prima di tutto […]

L’inconsistenza morale di Elisabetta II, muta nello scempio

Nessuna parola è stata spesa da parte di Elisabetta II per il suo piccolo suddito. Ha mostrato tutta la fragilità della sua dinastia, che tre secoli fa venne messa sul Trono da una classe dirigente avida e rapace. Oggi questo potere che si esprime in ambito anche giudiziario, non intende certo farsi mettere in discussione. […]

Il sorriso di Alfie

In tutta questa pazzesca vicenda inglese, con un bambino in grave stato di danno cerebrale per il quale più tribunali – contro il fondamentale principio del neminem laedere, contro la volontà dei genitori e contro quella di Dio, cui vogliono scippare la facoltà di decretare il quando e il dove della morte altrui – hanno stabilito che il suo «best interest» sia crepare il prima possibile; ebbene, in questo circo assurdo e tanatologico, c’è una cosa che mi ha colpito e, devo dire, parecchio rasserenato: il sorriso di Alfie mentre riposa. Lo si vede in una foto di questa notte, diffusa poche ore fa.

La qualità dell’aria: esalazioni di benzene a Falconara Marittima

Falconara Marittima, pochi chilometri a nord di Ancona, per molti marchigiani e soprattutto per i turisti diretti alle spiagge o ai borghi medievali delle...

La perfida Albione non molla, ma Alfie vive

Doveva morire. Eppure Alfie Evans non era d’accordo. Altro che «bimbo tenuto in vita solo dalle macchine». Altro che accanimento terapeutico. Altro che storie.

Antropologie a confronto nel caso Alfie Evans

Secondo mylord Anthony Hayden della Queen's Court, primo autore del libro che vedete qui sotto e giudice del caso Alfie Evans, il superiore interesse dei bambini è essere acquistati da una coppia di maschi e cresciuti orfani di madre, ma se un bambino è disabile e figlio di un papà e una mamma normali, per giunta cattolici, ah beh allora il suo superiore interesse è finire la sua inutile vita. E siccome non si spiccia a morire, allora meglio tenerlo chiuso in una stanza senza cibo da 24 ore con la speranza che tolga presto il disturbo.

Un campanello di allarme: l’Occidente calpesta la dignità dei bambini

Di volta in volta la vita dei bambini è ritenuta futile, un costo sociale, un fardello di cui disfarsi, oppure, all’opposto (ma con identica degenerazione) un diritto, un capriccio, un oggetto di cui disporre a piacimento (come nel caso della maternità surrogata con “aggiustatina” in modo che gli standard del nascituro soddisfino i gusti degli acquirenti).
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?